• EOSGROUP

Come risparmiare soldi (e tempo) sulle bollette di luce e gas


Come risparmiare sulle bollette di luce e gas ed evitare inutili dispersioni di energia (in tutti i sensi) e tempo? Ecco 3 consigli per ridurre lo spreco dei consumi e abbattere i costi mensili

Risparmiare sulle bollette di luce e gas non solo in termini di soldi ma anche tempo, stress e arrabbiature è davvero possibile? La risposta, fortunatamente, è sì.

È possibile ridurre lo spreco dei consumi e la dispersione dell’energia (anche la propria) attraverso semplici accorgimenti che andranno a incidere sulla spesa di energia e sul nostro benessere, così come è possibile scegliere fornitori di luce e gas che siano chiari, trasparenti e con poca burocrazia (evitando così diversi mal di stomaco).

Trovare un fornitore coerente con i propri valori e con le proprie esigenze è fondamentale per avere una maggiore tranquillità mentale, oltre a benefici economici e, in alcuni casi, ambientali.

Come risparmiare soldi e tempo sulle bollette di luce e gas

Molti consumatori pagano un prezzo luce e gas spropositato senza neppure saperlo. E molti si stressano nel cercare di leggere le bollette ricevute, non comprendendo le voci di costo perché non opportunamente spiegate, e con il timore di incontrare brutte sorprese sulle bollette successive, magari un alto conguaglio inaspettato che fa schizzare gli importi dovuti alle stelle.

Andando oltre i soliti consigli (comunque utili e riportati di seguito), come quello di non lasciare gli apparecchi in stand-by e puntare sull’efficienza di elettrodomestici e impianti, ecco i 3 consigli d’oro per scoprire, finalmente, in modo risparmiare tempo, soldi e stress sulle bollette di luce e gas.

1. Migliorare le proprie abitudini

Come prima regola, per risparmiare sulle bollette di luce e gas occorre rispettare gli accorgimenti volti a ridurre lo spreco dei consumi – non solo per avere un vantaggio economico, ma anche per limitare il nostro impatto sul mondo e vivere una vita più sostenibile.


In ogni famiglia c’è un potenziale di risparmio basato sulle buone abitudini di consumo: basta. Osservare piccoli accorgimenti come spegnere le luci nelle stanze vuote, ma anche non lasciare gli apparecchi in stand-by, effettuare i lavaggi di panni e di stoviglie con elettrodomestici a pieno carico e con temperature contenute, utilizzare lampadine a LED.

Anche il riscaldamento d’inverno e il condizionatore d’estate incidono non poco sul consumo di energia. Nella stagione calda è consigliato usare la modalità “deumidificazione” del condizionatore per abbassare il calore percepito e pulire regolarmente i filtri per mantenere l’elettrodomestico in condizioni ottimali. D’inverno sarebbe utile mantenere il riscaldamento a una temperatura di 20° e non coprire i termosifoni con pannelli o tende.

2. Scegliere il fornitore giusto

In Italia ci sono più di 800 fornitori di luce e gas, e scegliere quello giusto per le proprie esigenze non è facile, soprattutto data la complessità del mercato dell’energia, pieno di clausole, asterischi e call center, che spesso fanno perdere pazienza e tempo.

Quest’ultimo è proprio l’unica risorsa non rinnovabile che abbiamo ed è corretto cercare di risparmiarlo: stanno per fortuna nascendo fornitori di energia che mettono al primo posto la semplicità e la serenità, offrendo ai propri clienti una spiegazione chiara dei costi, limitando al massimo tutta la burocrazia e azzerando le scartoffie inutili. , guadagnandone in termini di tranquillità mentale (nessun timore di leggere la bolletta e dell’improvviso conguaglio), risparmiando tempo (la bolletta è chiara e trasparente e sai perfettamente cosa paghi, e il servizio clienti si può contattare senza perdite di tempo, a partire dalla classica chat, ma anche attraverso social, mail o telefono.


3. Investire sull’efficienza energetica di elettrodomestici

Avere degli elettrodomestici efficienti è la base per poter avere una bolletta della luce che non sia esosa e risparmiare sui costi di luce e gas. Più la classe energetica degli elettrodomestici è performante meno si avrà uno spreco di energia.

In fase di acquisto di lavatrice, frigorifero, lavastoviglie, TV è meglio comprare elettrodomestici con una classe energetica da A a A+++, anche pagando un prezzo più caro, per avere in seguito un risparmio significativo. Basti pensare che un elettrodomestico in classe A+++ permette di risparmiare fino al 60% di energia rispetto a uno in classe A, quindi se la vostra lavatrice o frigo sono datati e di classi basse, sostituirli potrà darvi un grande vantaggio.