• EOSGROUP

Cosa bolle in pentola per le bollette della luce


Con l’arrivo dei mesi invernali, i consumatori danno un occhio maggiore alla bolletta della luce per vedere se ci sono margini per risparmiare. Vediamo cosa bolle in pentola per le bollette della luce. Gli italiani pongono le utenze energetiche al primo posto nella scala dei pensieri tra novembre e dicembre. Di fatto, c’è la consapevolezza di restare più a casa e riscaldarsi. Poi quest’anno, con l’emergenza sanitaria in corso, la permanenza tra le mura domestiche sarà maggiore. Perciò il consumo aumenterà decisamente anche a causa dello smart working.

La situazione attuale

Una famiglia con contratto luce sul Tutelato ha avuto in bolletta un rincaro del 15,6% per il rialzo del prezzo della componente energia. Quest’ultima determina solo una parte dei costi in bolletta e pesa per il 30%. Però, ogni fornitore, applica un costo diverso dall’altro e quindi i consumatori dando un’occhiata alla componente energia può ottenere già un risparmio

La buona notizia

Gli Esperti di ProiezionidiBorsa hanno avuto modo di visionare l’Indice Selectra SQ. Questo dato offre l’andamento delle offerte dell’energia elettrica sul mercato retail. Si nota, infatti, che il prezzo medio della componente energia sul Mercato Libero non ha lo stesso andamento del Tutelato. Infatti, nella relazione, si legge che vale 43,17 euro/MWh ed è più basso del 16% rispetto al Tutelato. Inoltre, va detto, che il prezzo della componente energia è del 52% più basso rispetto al regime Tutelato.

Il Prezzo Unico Nazionale

Althesys effettuando elaborazioni dal modello New Electricity Trends ha indicato un aumento del Prezzo Unico Nazionale (PUN). Vediamo di cosa si tratta. Il PUN è il prezzo di riferimento dell’energia elettrica in Italia acquistata alla borsa elettrica. Questo valore è molto importante per i clienti finali perché determina la crescita dei prezzi retail. Attualmente il PUN è leggermente sotto i 40 euro/MWh e potrebbe toccare i 50 euro/MWh nel prossimo anni. Questo aumento del 30% è la conseguenza della ripresa del PIL, della domanda elettrica e del prezzo del gas naturale. Ecco cosa bolle in pentola per le bollette della luce in futuro.


20 visualizzazioni0 commenti